Testimonianza del Pellegrinaggio Roma – Assisi

cropped-DSC0061a.jpg

Essere Pellegrino è un’identità, non è necessario avere qualche caratteristica speciale ma, ognuno di noi, riscopre di esser un po’ pellegrino nel momento in cui comincia a camminare.

Il  Pellegrinaggio Roma-Assisi inizia dalla tomba di San Pietro in Vaticano e si conclude ad Assisi davanti la tomba di S. Francesco. Sono nove giorni di paesaggi mai visti, natura incontaminata, mondi da attraversare, persone da scoprire e tanto da vivere.

Vaticano

Il Pellegrinaggio è quell’occasione che ti permette di osservare la tua vita e di intrecciarla con quella di altri! Ogni giorno vivi un momento o un periodo della tua vita e, allo stesso tempo, ti accorgi che nella stessa giornata provi una moltitudine di emozioni alternate: mentre macini kilometri, a tratti, sei arrabbiato, stanco o preoccupato; dopo poco, passato il momento critico, sei pervaso da forza, allegria, gratificazione e ti sentiresti capace di camminare ancora per ore e ore; quando raggiungi la meta del giorno tutto ha un senso e tutto quello che hai provato nelle ore precedenti svanisce e pensi solo a quanto sia bello poter vivere un’esperienza simile.

IMG-20160731-WA0020

A quel punto, il giorno dopo sei pronto per partire di nuovo verso l’altra meta! E ti riaccadrà ancora durante le diverse giornate di alternare questi stati di umore così intensi e così differenti ma ti sentirai bene perché ti rendi conto dell’amore di Dio presente in ogni cosa e della forza data dal sacrificio provato. In uno dei paesi in cui abbiamo soggiornato, il parroco, durante una condivisione, ha detto:

“..Si caIMG_20160728_085257mmina in solitudine ma consapevoli del fatto che Dio è con noi, ma, allo stesso tempo, soli nell’apertura alla condivisione e alla conoscenza dell’altro..”

Durante il pellegrinaggio ti accorgi di non avere nulla, hai preparato il tuo zaino dovendo scegliere quali fossero le cose più importanti e indispensabili da portare e scopri quanto sia difficile fare già solo questo e, allora, parti sperando di aver pensato a tutto e di essere pronto a qualsiasi evenienza: la pioggia, il caldo eccessivo, il sacco a pelo, i luoghi dove dormiremo … Poi, quando sei lì, tutto svanisce e ti accade che dopo tanti kilometri dormi in brande con il sacco a pelo nelle palestre, ti inizia a piovere in testa a metà tragitto o il caldo ti sta ustionando la pelle perché hai dimenticato la crema solare ma ti senti bene perché sai che non sei solo, Dio è presente lì con te anche nelle persone che ti aiuteranno o con cui potrai condividere questi momenti.

WhatsApp Image 2016-08-08 at 16.38.07 (1)

La cosa stupenda di questo Pellegrinaggio del Verbum Dei è che arrivano persone da diverse parti del mondo a parteciparVi; ti ritrovi a camminare con persone dalla Russia, Croazia, Inghilterra, America latina e tanti altri luoghi lontani.. Quest’anno noi italiani abbiamo camminato a braccetto con un gruppo di spagnoli, nello specifico era presente una famiglia numerosa, con 4 figli, in cui i genitori avevano deciso di partecipare
per festeggiare tutti insieme il loro 25esimo anno di matrimonio. La bellezza di camminare con culture diverse sta proprio nel fatto che nonostante, spesso, questa diversità potrebbe essere punto di non incontro, in queste situazioni diventa il punto di forza; non è importante se tu riesci a parlare la lingua dell’altro o se non avete le stesse abitudini, quando cammini insieme ti ritrovi a mescolare queste lingue, usare gesti e capire comunque in nome di una sintonia che nasce dal sentire con il cuore.

 

Ho partecipato a questo Pellegrinaggio l’anno scorso e l’ho rifatto di nuovo quest’anno; non so dire per certo che non riaccadrà l’anno prossimo. Quando inizi a camminare da pellegrino, è come se qualcosa dentro di te ti dicesse ogni anno di rifarlo, diventa un piacevole bisogno da soddisfare a cui non puoi più dire di no; ogni anno, l’esperienza sarà differente e ogni anno potrai vivere nuove situazioni, imparare cose e capirne altre ma sicuro, alla fine,  ogni volta che ritorni a casa avrai il cuore ricolmo di gioia e  forte per affrontare nuovamente la vita di tutti i giorni.

IMG-20160803-WA0033

Grazia Rainone

Galleria delle fotoGuarda

2 pensieri riguardo “Testimonianza del Pellegrinaggio Roma – Assisi

  1. Grazie ad ogni pellegrino per averci donato la sua preghiera e la sua forza. Anche per chi non ha potuto partecipare, seguire virtualmente il cammino, ha rinforzato il sentimento di sentirsi Famiglia. Grazie. Claudio.

Lascia un commento